ResponsabilitÓ degli incapaci

 

nozione
(art. 2047 c.c.)

nel caso in cui l'incapace di intendere e di volere abbia cagionato dei danni a terzi, di questi risponde chi era tenuto alla sua sorveglianza, salvo che provi di non avere potuto impedire il fatto

 
Vai al commento di giurisprudenza
 

Abbiamo visto che l'incapace di intendere e di volere non risponde dei danni proprio a causa della sua particolare condizione;

╚ anche vero, per˛, che spesso persone affette da incapacitÓ sono affidate alla sorveglianza di soggetti che si prendono cura di loro e operano anche per impedire che l'incapace cagioni dei danni, oltre che a sÚ stesso, anche a terzi;
nel caso in cui l'incapace provochi dei danni a terzi, il soggetto tenuto alla sorveglianza andrÓ incontro a responsabilitÓ per i danni prodotti dall'incapace per non avere adeguatamente vigilato;
si tratta, quindi, di una ipotesi di responsabilitÓ diretta provocata da una omissione concretatasi nella mancata sorveglianza.

I danni provocati dall'incapace sono quelli considerati dall'art. 2043, non certo quelli di natura contrattuale dove trovano applicazione le regole sui negozi giuridici.

Ma a chi si riferisce l'art. 2047 nell'indicare il soggetto tenuto alla sorveglianza?

l'espressione usata dal legislatore Ŕ volutamente generica indicando tutti coloro che hanno un dovere giuridico di sorveglianza

Tale dovere spetta, in primo luogo, ai genitori di minori incapaci (per i minori capaci d'intendere e di volere si applica l'art. 2048 c.c.), tutori, precettori e maestri d'arte di soggetti incapaci, ma anche infermieri  o le strutture sanitarie pubbliche che sono tenute a trattenere e ricercare le persone inferme di mente, insomma tutti coloro che hanno un dovere giuridico di sorveglianza.

La responsabilitÓ di questi soggetti Ŕ presunta, ma il sorvegliante pu˛ provare, per evitarla, di non aver potuto impedire il fatto.
Questa espressione comprende certamente le ipotesi di caso fortuito o  forza maggiore, ma si ritiene che il sorvegliante per andare esente da responsabilitÓ potrÓ anche provare di avere usato la normale diligenza.

Se il sorvegliante riesce a provare la sua mancanza di colpa, al danneggiato non spetterÓ alcun risarcimento; ma il secondo comma dell'art. 2047 prevede che che il giudice in " considerazione delle condizioni economiche delle parti" possa condannare l'incapace ad un'equa indennitÓ.

punto elenco Torna alla home page     
 
punto elenco Torna al sommario della sezione