ResponsabilitÓ per danni cagionati da rovina di edificio

nozione
(art. 2053 c.c.)

il proprietario di un edificio o altra costruzione risponde dei danni cagionati dalla loro rovina, salvo che provi che questa non Ŕ dovuta a difetto di manutenzione o vizio di costruzione
 
Vai al commento di giurisprudenza
 

Vediamo i punti fondamentali di questo tipo di responsabilitÓ.

In primo luogo il legislatore ha identificato nella cosa che provoca il danno una qualsiasi "costruzione". Non solo gli edifici, quindi, ma anche i ponti, i muri, le baracche e cosý via.

L'art. 2053 si riferisce alla "rovina"  che pu˛ essere totale, o anche parziale, come quando vi sia la caduta di calcinacci da un edificio. Si discute, invece, se possano rientrare nella ipotesi dell'art. 2053 i guasti e i malfunzionamenti della costruzione, come potrebbe accadere per danni cagionati dall'impianto elettrico o dalla caduta o malfunzionamento dell'ascensore. Per questa ultime eventualitÓ, per˛, rimane pur sempre applicabile, nel caso in cui si ritenesse esclusa la norma di cui ci stiamo occupando, l'art. 2501 relativo ai danni cagionati dalle cose in custodia.

Responsabile dei danni Ŕ il proprietario, ma si ritiene che la responsabilitÓ possa essere estesa cumulativamente anche a coloro che hanno un diritto reale di godimento sul bene, mentre non vi Ŕ responsabilitÓ per i soggetti che conducono il bene in locazione.

In merito alla prova liberatoria l'art. 2053 l'ammette solo quando si dimostri che la rovina non Ŕ dovuta a difetto di manutenzione o vizio di costruzione.

Si tratta di ipotesi diverse.

Nel caso di difetto di manutenzione il proprietario andrÓ esente da responsabilitÓ quando proverÓ di aver eseguito in maniera diligente la manutenzione del bene. Si tratta, quindi, di tipica responsabilitÓ aggravata per colpa.

Diversamente accade nel secondo caso. Se si verifica la rovina per difetto di costruzione, il proprietario Ŕ comunque responsabile, anche se il vizio non Ŕ dovuto a colpa del proprietario. Si tratta, quindi, di un caso di responsabilitÓ oggettiva.

In ogni caso, per˛, si potrÓ evitare la responsabilitÓ quando l'evento si verifica per caso fortuito o forza maggiore, come quando un terremoto provochi  la rovina della costruzione. Se, per˛, la costruzione si trovava in zona sismica, si potrÓ evitare la responsabilitÓ solo se si provi di aver costruito secondo la normativa  antisismica.

punto elenco Torna alla home page     
 
punto elenco Torna al sommario della sezione