La mora del creditore

nozione
(art. 1206 c.c.)

il creditore è in mora quando senza alcun motivo legittimo si rifiuta di ricevere il pagamento offerto dal debitore nei modi indicati dalla legge oppure non compie quanto è necessario affinché debitore possa adempiere all'obbligazione

L'articolo 1206 del codice civile indica le condizioni alle quali può aversi mora del creditore; si tratta di una situazione atipica in cui creditore, invece di ottenere quanto gli è dovuto, rifiuta o ostacola l'adempimento del debitore.
Questa situazione, per quanto paradossale possa sembrare, spesso si verifica nella realtà, in quanto il creditore, per i motivi più vari, cerca di mantenere una posizione di supremazia nei confronti della persona del debitore, supremazia che appunto gli deriva dall'esistenza del vincolo obbligatorio.
Il codice civile parla di " mora del creditore " accostandola, almeno dal punto di vista terminologico, alla ben più frequente mora del debitore.
In realtà si tratta di situazioni completamente differenti, perché il creditore non è  obbligato  ma solo onerato a ricevere la prestazione, mentre  il debitore è obbligato ad adempiere; tuttavia il comportamento del creditore può causare difficoltà e danni al debitore che per questo motivo deve avere il modo di liberarsi all'obbligazione anche quando il creditore non voglia.

Vediamo schematicamente le varie fasi che portano alla liberazione del debitore;

1. il debitore offre di eseguire la sua prestazione nei termini stabiliti, ma il creditore la rifiuta senza alcun motivo legittimo (offerta non formale art. 1220 c.c.)
2. di fronte al rifiuto del creditore a ricevere la prestazione, il debitore ricorre ad un'offerta fatta secondo le modalità dell'articolo 1208 c.c. detta " offerta solenne ".
L'offerta solenne ha caratteristiche diverse secondo il tipo di prestazione:
a. è reale se l'obbligazione ha per oggetto denaro titoli di credito oppure cose mobili da consegnare al domicilio debitore;
b. se si tratta di cose mobili da consegnare in luogo diverso dal domicilio del creditore l'offerta consiste dell'intimazione a riceverle (offerta per intimazione);
c. se deve essere consegnato un immobile l'offerta consiste dell'intimazione al creditore di prenderne possesso (art. 1216 c.c.);
d. se la prestazione consiste in un fare il creditore è costituito in mora mediante intimazione di ricevere la prestazione o di compiere gli atti necessari affinché questa possa svolgersi (art. 1217 c.c.)
3. eseguita correttamente offerta solenne e rifiutata dal creditore, quest'ultimo è considerato a tutti gli effetti in mora con le conseguenze stabilite dall'articolo 1207 c.c.
4. per liberarsi definitivamente dall'obbligazione il debitore, di fronte al perdurare del rifiuto del creditore a ricevere la prestazione, dovrà depositare le cose dovute (art. 1210 c.c.) secondo le modalità indicate dall'articolo 1212 c.c. ; solo quando il creditore accetta il deposito, oppure, in caso di rifiuto, quando passa in giudicato la sentenza con la quale viene ritenuto valido il deposito, il debitore sarà completamente liberato dell'obbligazione

Il debitore che vuole evitare  le conseguenze che derivano dall'inadempimento è quindi costretto ad offrire la sua prestazione con un'offerta solenne.
Eseguita l'offerta solenne si produrranno gli effetti della mora del creditore, effetti che sono schematizzati qui sotto:

  1. il creditore subisce il rischio derivante dall'impossibilità sopravvenuta dalla prestazione per causa non imputabile al debitore;
  2. il debitore non deve più corrispondere gli interessi o i frutti della cosa;
  3. il creditore è tenuto a risarcire il debitore degli eventuali danni derivanti dalla mora e a rimborsarlo delle spese per la custodia e la conservazione della cosa dovuta.

Nella nostra tabella al numero 1. abbiamo anche parlato dell'offerta  eseguita secondo le modalità dell'articolo 1220.
Si tratta dell'ipotesi dell'offerta non formale che il debitore deve logicamente compiere prima di passare all'offerta solenne. Questo tipo di offerta non produce certamente gli effetti dell'offerta solenne, ma impedisce che si producano gli effetti negativi della mora del debitore di cui ci occuperemo nel successivo paragrafo.

punto elenco Torna alla home page     
 
punto elenco Torna al sommario della sezione