La volontà

 

 
Video, la volontà

rilevanza

deve essere voluta sia la dichiarazione sia gli effetti che derivano dal negozio;
la mancanza della volontà produrrà la nullità del negozio giuridico



Vai al commento di giurisprudenza
 

Come si vede dalla tabella la volontà deve essere intesa nella duplice veste di volontà della dichiarazione e volontà degli effetti e ciò perché proprio attraverso questo elemento si coglie l'essenza del principio di autonomia negoziale, un luogo dove i privati possono regolare da sé i propri interessi.

Si capisce, quindi, perché la volontà è spesso definita come "l'anima del negozio".

A questo punto, potrebbe sembrare finita la nostra indagine, e, in effetti, è essenziale sapere che nel negozio giuridico la volontà non può mancare; ma dobbiamo affrontare alcune importanti questioni relative ai casi in cui vi sia divergenza tra volontà e dichiarazione, vediamole:

ipotesi in cui la dichiarazione non voluta rende nullo il negozio

dichiarazione resa per gioco o a scopo didattico

per la validità del negozio è necessario che la volontà sia seria e, per esser tale, deve manifestarsi in contesto che lasci presumere tale serietà; per questo non può considerarsi come vincolante una dichiarazione fatta per uno scopo didattico, per gioco o a teatro

dichiarazione resa in seguito a violenza fisica

è il caso di colui che è fisicamente costretto a compiere una dichiarazione, come nell'ipotesi di chi prende la mano di un'altra persona e la costringe a firmare una dichiarazione. Nel caso in cui la violenza non sia fisica ma si manifesti attraverso una minaccia ( se non firmi ti ucciderò) il negozio sarà annullabile

ipotesi in cui la dichiarazione non voluta non rende  nullo il negozio

dichiarazione resa per riserva mentale

è l'ipotesi di chi emette una dichiarazione mentre, in realtà, vorrebbe emetterne un'altra. Il negozio è valido perché tale fatto psichico non è, di regola, riconoscibile all'esterno

dichiarazione resa in seguito ad errore ostativo

è l'ipotesi di chi voleva emettere una dichiarazione ma, per un lapsus, ne emette un'altra(dico 100 al posto di 10). Il negozio non è nullo ma potrà essere annullabile

Abbiamo visto dalla tabella che vi sono dei casi in cui la dichiarazione non vincola chi l'emette ed altri casi in cui accade il contrario, perché?
A ben guardare scopriamo che è rilevante non solo l'esistenza della volontà, ma anche la posizione di chi riceve la dichiarazione, dell'altra parte del negozio, che può aver fatto ragionevole affidamento sulla dichiarazione.
Nelle prime due ipotesi è chiaro che l'altra parte non poteva certo fare affidamento sulle dichiarazioni rese dall'altra proprio per il contesto dove sono state emesse; nelle altre due, invece, ben poteva esserci questo affidamento poiché l'altra parte poteva non essere in grado di accorgersi della riserva mentale o dell'errore. 
Per risolvere, quindi, i problemi relativi ai casi in cui la dichiarazione diverge dalla volontà, ci viene in soccorso la teoria detta "dell'affidamento":

teoria dell'affidamento

se vi è contrasto tra volontà e dichiarazione il negozio è

valido quando colui che riceve la dichiarazione non era in grado di accorgersi del contrasto usando l'ordinaria diligenza

invalido quando colui che riceve la dichiarazione era in grado di accorgersi  o comunque sapeva del contrasto tra la volontà e la dichiarazione

Come si vede la teoria dell' affidamento protegge adeguatamente entrambe le parti, ma non protegge mai la mala fede; anche nel caso in cui fosse molto difficile accorgersi del contrasto tra volontà e dichiarazione, chi riceve la dichiarazione non è  tutelato quando sapeva di detto contrasto.

Occupiamoci, ora di un argomento sempre relativo alla rilevanza della volontà, la simulazione.
Clicca sul collegamento per accedervi

punto elenco Torna alla home page     
 
punto elenco Torna al sommario della sezione