Diversi tipi di negozi secondo il numero dei soggetti e delle parti

negozi unilaterali

questi negozi si perfezionano con una dichiarazione di una sola parte

Tipico esempio di negozio unilaterale Ŕ il testamento; non bisogna credere, per˛, che unilaterale voglia dire " unipersonale ".
Accade, infatti, che per parte non s'intende, di solito, una sola persona ma un unico " centro di interessi ", come accade ad esempio nel caso in cui pi¨ comproprietari di un bene diano incarico di venderlo ad un'agenzia immobiliare; in tal caso l'incarico conferito (procura) sarÓ negozio unilaterale, ma di natura pluripersonale.

╚ doveroso avvertire, per˛, che parte autorevole della dottrina mette in discussione questa distinzione, ritenendo che il legislatore si Ŕ voluto spesso riferire pi¨ che ad un'unica parte intesa come centro di interessi, proprio ad un'unica persona fisica, come accade nel caso del testamento dove non avrebbe senso parlare di parte intesa come centro di interessi.

Seguendo l'impostazione tradizionale, distinguiamo nell'ambito dei negozi posti in essere da pi¨ persone non intese come singole parti: abbiamo, quindi, i negozi " pluripersonali ".

negozi pluripersonali

atto collettivo: in questo tipo di negozio le diverse dichiarazioni di volontÓ provengono da pi¨ persone ma tendono ad un fine comune come, ad esempio, una delibera condominiale. Pur essendo unica la volontÓ che scaturisce dall'atto, le diverse dichiarazioni rimangono distinte
atto collegiale: il caso Ŕ analogo a quello dell'atto collettivo, ma a differenza di quest'ultimo le diverse dichiarazioni di volontÓ formeranno la volontÓ di un soggetto diverso rispetto a quelli che hanno posto in essere la dichiarazione come, ad esempio, accade nel voto di una assemblea di una societÓ per azioni
atto complesso: in questo caso, ed a differenza dei precedenti, le diverse dichiarazioni di volontÓ che formano l'atto non rimangono distinte ma si fondono in un'unica volontÓ avente di mira a tutela di un solo interesse come accade nel caso di inabilitazione dove il curatore integra la sua volontÓ con quella dell'incapace (atto complesso disuguale che si distingue da quello in cui le volontÓ sono poste sullo stesso piano)

Tornando ai negozi posti in essere da pi¨ parti distinguiamo tra:

negozi bilaterali

in questi la dichiarazione di volontÓ proviene da due parti

negozi plurilaterali

la dichiarazione di volontÓ proviene da pi¨ di due parti

Come esempio di contratto bilaterale possiamo pensare alla compravendita; come esempio di contratto plurilaterale abbiamo il contratto di societÓ.

punto elenco Torna alla home page     
 
punto elenco Torna al sommario della sezione