Limiti legali

nozione

sono le limitazioni che l'ordinamento impone alle facoltÓ del proprietario

Nella definizione dell'art. 832 abbiamo visto che le facoltÓ attraverso le quali si esplica il diritto di proprietÓ sono fondamentalmente illimitate.

Si Ŕ infatti deciso di indicare i limiti del diritto di proprietÓ, piuttosto che elencarne le facoltÓ, con l'ovvia conseguenza che il proprietario pu˛ fare del suo diritto e della cosa che ne Ŕ oggetto ci˛ che vuole, ma questa illimitata signoria del suo volere trova il confine nei limiti imposti dalla legge. Questi si incontrano sia nel codice civile che nelle leggi speciali, e spesso comprimono in maniera rilevante il diritto di proprietÓ (pensiamo ai divieti di edificare in zone di interesse paesaggistico o archeologico). In questa sede ci occuperemo dei soli limiti che emergono dal codice civile, rimandano allo studio del diritto amministrativo lo studio dei provvedimenti e delle altre leggi che incidono sul diritto di proprietÓ.

Le limitazioni cui va incontro il proprietario, soprattutto il proprietario di immobili o fondi, sono fondamentalmente di due categorie:

  1. limiti imposti per ragioni di pubblico interesse

  2. limiti imposti per salvaguardare i concorrenti diritti di altri soggetti privati
     

prima di affrontare elencare le diverse ipotesi di limitazione del diritto di proprietÓ, il codice civile all'art. 833 pone una norma di carattere generale che vieta al proprietario di compiere atti di emulazione che sono "atti i quali non abbiano altro scopo che quello di nuocere o recare molestia ad altri" (divieto di atti emulativi)

Il proprietario, infatti, del suo bene, pu˛ farne ci˛ che vuole, ma non pu˛ compiere degli atti al solo scopo di arrecare danno ad altri.

Si fa spesso l'ipotesi di chi pianta dei pali altissimi sul suo terreno per impedire l'atterraggio di un aereo sul terreno confinante, ma le ipotesi potrebbero essere innumerevoli. ╚ importante sottolineare, invece, che per realizzare la previsione dell'art. 833 non basta che l'atto possa arrecare danno ad altri, ma Ŕ anche necessario che sia stato compiuto "al solo scopo" di arrecare danno o molestia.
Se, quindi, il proprietario pianta dei pali altissimi sul suo terreno anche per istallarci dei reattori eolici, l'atto non sarÓ emulativo e quindi lecito.

Ma torniamo ai limiti specifici imposti dall'ordinamento al diritto di proprietÓ elencandoli nella sottostante tabella e attivando il collegamento per approfondirli.

limiti imposti per ragioni di pubblico interesse
espropriazione per pubblica utilitÓ
requisizione
limiti alla proprietÓ edilizia

Passiamo, ora, agli altri limiti previsti dalla legge previsti principalmente per regolare i rapporti di vicinato.

limiti imposti per salvaguardare i concorrenti diritti di altri soggetti privati

distanze nelle costruzioni (artt. 873\899 c.c.)
distanze tra alberi e siepi (artt. 892\899 c.c.)
luci vedute o prospetti( art. 904 \906 c.c.)
stillicidio (art. 908 c.c.)
acque private (artt. 909 \ 922 c.c.)
divieto di immissioni (art. 844 c.c.)

 

punto elenco Torna alla home page     
 
punto elenco Torna al sommario della sezione